Don't take life too seriously: it's just a temporary situation

Kelvin (problema di)

Geometria  Geometria 

William Thompson (Belfast, Irlanda, 16/6/1824 – 17/12/1907 Largs, Scozia), più noto come Lord Kelvin, propose nel 1887 quello che da allora è noto come “problema di Kelvin”, vale a dire quale sia la figura che riempie lo spazio con copie uguali, che abbia la minima superficie.

Kelvin era fermamente convinto che la luce si propagasse sotto forma di vibrazioni dell’etere, una sostanza invisibile che permea l’universo. Riteneva che l’etere fosse suddiviso in bolle e che queste dovessero essere tutte uguali, riempire lo spazio e avere la minima superficie, perché quasi tutto in natura raggiunge un minimo o un massimo.

 

Kelvin riteneva che la soluzione si ottenesse deformando leggermente un poliedro con 8 facce a forma di esagono regolare e 6 quadrate, ottenendo un solido noto come “cella di Kelvin” (v. congettura di Kelvin).

 

Nel 1994 Denis Weaire e Robert Phelan trovarono due poliedri che si combinano a riempire lo spazio e che hanno una superficie minore (v. congettura di Kelvin).

 

Non è stato dimostrato che questa sia la superficie minima, né che non esista un solido unico che riempia lo spazio con una superficie minore della cella di Kelvin.

Vedi anche

Congettura di Kelvin.

Contattami

Potete contattarmi al seguente indirizzo bitman[at]bitman.name per suggerimenti o segnalazioni d'errori relativi a questo articolo.