Don't take life too seriously: it's just a temporary situation

Wyler (costante di)

Vari 

Nel 1969 A. Wyler cercò di dare una spiegazione al valore della costante di struttura fine, introdotta da Sommerfeld e uguale a Formula per la definizione della costante di struttura fine, dove e è la carica dell’elettrone, h è la costante di Plank e c è la velocità della luce. La costante è adimensionale, ossia è un numero che non dipende dalle unità di misura usate.

 

Con alcune ipotesi plausibili, ma leggermente arbitrarie, sul valore di alcuni parametri, Wyler trovò per la costante il valore Valore proposto da Wyler per la costante di struttura fine.

Il valore era in perfetto accordo col miglior valore sperimentale disponibile allora e per un certo periodo i fisici cercarono di giustificare le ipotesi di Wyler, pensando che il valore fosse corretto. Successivi esperimenti però mostrarono che la costante differisce, sia pur di poco, dal valore proposto da Wyler, demolendo le speranze di trovare una giustificazione teorica per il valore di una delle più importanti costanti della fisica.

Il miglior valore oggi noto è 0.00729735257.

 

Il valore proposto da Wyler è oggi noto come “costante di Wyler”, ma non è considerato un’approssimazione ragionevole di α, anche alla luce di alcuni errori che furono trovati nella sua teoria; si tratta quindi di una costante puramente matematica, non di origine fisica.

Qui trovate le prime 100 cifre decimali della costante di Wyler.

 

Wyler non fu il primo a cercare di dare una spiegazione alla costante; Eddington aveva proposto nel una teoria, in base alla quale il valore avrebbe dovuto essere esattamente Valore proposto da Eddington per la costante di struttura fine, ma gli esperimenti mostrarono che il suo valore era leggermente troppo grande.

In seguito, altri costruirono varie teorie per giustificare il valore della costante: in particolare:

  • D. McGoveran e H.P. Noyes nel 1991 proposero Valore proposto da McGoveran e Noyes per la costante di struttura fine;

  • James G. Gilson nel 1994 propose Valore proposto da Gilson per la costante di struttura fine.

  • James G. Gilson nel 1994 propose una teoria più raffinata, che permette di calcolare la costante come Valore proposto da Gilson per la costante di struttura fine; con un errore di circa 4 • 10–11 rispetto al valore sperimentale.

Contattami

Potete contattarmi al seguente indirizzo bitman[at]bitman.name per suggerimenti o segnalazioni d'errori relativi a questo articolo.